Aminta Atto I

In uscita il 13 gennaio per Feel Records – giovane etichetta indipendente votata alla black music nelle sue varie declinazioni – “Atto I” è l’album di debutto degli AMINTA, band avellinese che suona un neo-soul d’impronta fusion. Infatti la loro arte è contaminata da diversi colori musicali, dal jazz al funk, dall’R&B all’elettronica, il tutto devoluto al mondo del pop grazie ad un sound estremamente godibile nella sua raffinatezza.

Anticipato dall’incantevole singolo “Be Grateful” – di cui è disponibile anche un videoclip – il loro primo lavoro discografico è un esordio ammaliante, pregno di sensualità e magnetismo, interamente attraversato da un filo conduttore che è il tema dell’amore nella sua concezione più universale. “Love is wise, hatred is foolish” recita infatti la frase che chiude il disco: sono le parole del filosofo Bertrand Russell, che fanno da cornice all’intero album stagliandosi nell’introduzione per poi tornare a farsi sentire nell’outro finale.

Un piccolo e sofisticato gioiello costituito in totale da 6 brani, all’interno dei quali il suono ondeggia voluttuoso in varie direzioni, esplorando una molteplicità di generi che si reggono in equilibrio tra arrangiamenti ricercati e un songwriting decisamente curato. Centrale è la coralità degli strumenti, che si intrecciano fra di loro in un dialogo aereo, talvolta inoltrandosi in territori free quando il sassofono si lancia nei suoi fraseggi elaborati, altre volte lasciandosi andare ad attimi di pura poesia dove il cantato si abbandona a partiture d’espressionismo vocale.
L’atmosfera che ne scaturisce è soffusa, vellutata, capace di trasportare l’ascoltatore dritto in qualche buio e fumoso jazz club americano dove la musica pulsa con travolgente intensità, nelle tempie e nel cuore.
«”Atto I” – afferma la band – è un lavoro che si propone di amare tutto ciò che ci fa bene nel mondo musicale, di mescolarlo cercando di mantenere una sorta di equilibrio. Lo stesso nome del gruppo, “Aminta”, deriva da una favola pastorale di Torquato Tasso, che con una massima ha aperto i nostri cuori: “S’ei piace, ei lice”
(“Se una cosa piace allora è lecita”)».

Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...