È disponibile in digitale “IL CANTO DELLA LAVATRICE”, secondo brano estratto dall’album “CANZONI DA MUSEO” della poliedrica cantautrice Roberta Giallo.

“Il canto della lavatrice” nasce come componimento ad opera del poeta Roberto Roversi, noto per la forte vocazione sociale e civile e per aver scritto alcuni testi in seguito musicati da Lucio Dalla. Il testo era infatti  originariamente destinato al cantautore bolognese ed è stato donato a Roberta Giallo da Antonio Bagnoli, editore Pendragon e nipote del poeta. La cantautrice ha poi deciso di donare nuova vita a questi versi, creandone un’opera musicale inedita, rendendoli canzone.

L’arrangiamento del brano “Il canto della lavatrice” è a cura della cantautrice Roberta Giallo.

«Questo pezzo nato dagli straordinari versi di Roversi, uniti alla mia musica, è Epos contemporaneo – racconta ROBERTA GIALLO a proposito del brano “Il canto della lavatrice” – Musicalmente ho cercato di restituirgli quella forza primigenia, come sempre partendo dal piano, per poi aggiungere, synt, elettronica, timpani dell’al di là, cori a volontà, al di là del tempo»

L’album “Canzoni da museo” è disponibile in tiratura limitata in formato vinile (www.yellow-music.it/shop/prodotto.php?id_prodotto=78e in formato CD (https://www.yellow-music.it/shop/prodotto.php?id_prodotto=75).

“CANZONI DA MUSEO” è un progetto visionario che contiene il pensiero poetico di tre poeti di spicco, a partire dal fotografo Giovanni Gastel, passando per Davide Rondoni, fondatore del Centro di Poesia Contemporanea, e il celeberrimo poeta bolognese Roberto Roversi.

Arrangiato da Roberta Giallo e Enrico Dolcetto, produttore artistico dell’album, il progetto musicale “Canzoni Da Museo” è stato realizzato con il contributo del Comune di Bologna – City of Music Unesco e Fondazione del Monte, per portare a compimento una congiunzione tra arti performative e figurative, cifra stilistica assoluta della cantautrice Roberta Giallo.

Sempre oggi, venerdì 3 giugno, la città di Bologna accoglierà il “Roberta Giallo in pigiama concerto” presso il Bravo Caffè (Via Mascarella 1 – ore 21.30). durante il quale la cantautrice si esibirà sulle note del brano “IL CANTO DELLA LAVATRICE”. Si consiglia di prenotare contattando i recapiti del Bravo Caffè.

Roberta Giallo muove i primi passi nel mondo dello spettacolo aprendo il concerto di Sting in piazza del Plebiscito a Napoli, in diretta su All Music. Viene notata da Mauro Malavasi che la introduce a Lucio Dalla, il quale diventa suo amico e mentore.Roberta Giallo nel corso della sua carriera fa incetta di premi: dal Premio dei Premi MEI al Premio Bindi, passando per “Un Certain Regard” Musicultura. Si esibisce nei più prestigiosi teatri e luoghi della cultura, in Italia e all’Estero, portando in scena numerosi concerti e spettacoli con Federico Rampini, Ernesto Assante, Gino Castaldo, Gnu Quartet e Valentino Corvino. Roberta Giallo vanta numerose collaborazioni con artisti del calibro di Corrado Rustici e Samuele Bersani, inoltre si interfaccia con alcune delle principaliOrchestre Italiane, tra cui l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e l’Orchestra Filarmonica Italiana. Nel 2014 esce l’EP “Di luce propria”, mentre l’anno segue vede la pubblicazione del singolo “Animale”, per proseguire nel 2016 con i brani “Start” e “Amore amor”. Nello stesso anno porta in scena ad Hong Kong, allo Youth Square Y-Theatre lo spettacolo “Trip Of A dreaming Soul”, un one woman show: sue la sceneggiatura, la regia e la performance. Nel 2017 pubblica il disco “L’oscurità di Guillaume” e il singolo “In amore muoio di frontale”.Nel 2018 vola ad Hong Kong per rappresentare la Musica italiana nel Mondo in occasione del Festival della musica Europea “Make Music di Hong Kong” svoltosi al Tai Kwun. Il 2018 e il 2019 sono scanditi dal tour mondiale Astronave Gialla World Tour”, in cui la cantautrice porta in scena le canzoni dell’album L’oscurità di Guillaume”facendo tappa a Hong KongMoscaKievIstanbulLos AngelesHo Chi MinSingaporeMonte CarloPortoOslo. Nel 2019 debutta sul grande schermo nelle vesti di attrice protagonista nel film “Il Conte Magico”, di Marco Melluso e Diego Schiavo, per cui riceve la menzione come miglior attrice al Symbolic Art Film Festival di San Pietroburgo. Lavora alla realizzazione di diverse colonne sonore tra cui il film “Il cuore grande delle ragazze”di Pupi Avati. Nel 2020 pubblica il disco “Vicina Vicina” e l’anno seguente debutta come scrittrice con “Web Love Story” (Pendragon) il suo primo romanzo, che ripercorre le vicende che hanno ispirato il disco “L’oscurità di Guillaume”Il 3 dicembre 2021 esce “Canzoni da museo”, disco in cui propone le liriche musicate di alcuni poeti di spicco, da Giovanni Gastel a Davide Rondoni, passando per Roberto Roversi e viene riconfermata per il secondo anno consecutivo come parte della giuria di Musicultura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...